lunedì 25 luglio 2016

Parco di via Brodolini: "E questo vi sembra un parco inutilizzato?"

Sono le 19:10 di lunedì 25 luglio e ho da poco scattato questa fotografia che ritrae alcuni ragazzi giocare in un parco, alcuni sull'altalena e altri a pallone usando gli alberi come porta da calcio trasformando l'area nel loro piccolo stadio. 
Scrivo queste righe perché l'area verde in questione è l'ormai noto parco di via Brodolini, dove l'Amministrazione comunale ha deciso di fare gli orti sociali. 
E' meglio che si divertano ora quei ragazzi che stanno giocando a pallone perché tra qualche giorno non potranno più farlo perché gli orti sociali sorgeranno, forse, proprio tra gli alberi usati come porta da calcio. 
Con questa foto voglio affermare il concetto che io e altri cittadini abbiamo provato a far capire più volte: il progetto degli orti sociali è più che valido, ma la collocazione non può e non deve essere un parco, nemmeno per valorizzarlo. Sì, perché un parco non si valorizza privatizzandolo diminuendo la sua fruibilità pubblica, ma si valorizza inserendo nuovi giochi o panchine che nel corso degli ultimi anni, invece, sono state sistematicamente rimosse.

I parchi sono parchi e basta, sono fatti per giocarci e rilassarsi, non per essere coltivati a insalata, pomodori e carote.

Ribadisco all'Amministrazione l'appello sottoscritto da quasi cento residenti: esistono altre aree verdi pubbliche dove fare gli orti sociali, ripensateci.