sabato 6 agosto 2016

Emergenze olfattive a Borgosatollo: la mia proposta di soluzione

In attesa di conoscere quanto emerso dal tavolo tra Comune di Borgosatollo, Brescia, Castenedolo, Arpa e ATS in merito all'emergenza olfattiva denunciata dai cittadini di Borgosatollo, e proveniente dall'azienda Systema Ambiente sita in Via dei santi, voglio proporre una possibile soluzione, non definitiva, ma che potrebbe obbligare i vertici aziendali a tenere controllate le emissioni.

Già il Comune di Brescia, per rispondere alle proteste dei residenti in Via dei santi che lamentavano l'eccessivo traffico di camion, ha imposto il divieto di transito dalla via in questione ai mezzi pesanti.
La conseguenza è stata che i camion, non potendo più passare da Brescia, sono stati costretti a transitare da Borgosatollo.

Quello che voglio proporre, e che il Comune ha la possibilità di fare, è di vietare il transito ai mezzi pesanti anche per il tratto di Borgosatollo, dalla palestra Global fino a dopo il curvone per intenderci. Quel tratto di strada è del Comune di Borgosatollo che potrebbe quindi prendere tale decisione. 

Una soluzione che non risolverebbe i problemi olfattivi, ma almeno metterebbe i bastoni fra le ruote all'azienda Systema Ambiente, costringendola a contattare l'Amministrazione locale per riconsentire l'accesso ai camion. 
In quel momento l'Amministrazione di Borgosatollo avrebbe il coltello dalla parte del manico dettando il compromesso di riaprire la strada a patto di un impegno concreto, e non teorico, da parte dell'azienda nella gestione dei controlli di qualità delle emissioni e dell'aria.

Ripeto che non si tratta di una soluzione definitiva, ma almeno si potrebbe tenere sotto controllo la gestione dei rifiuti e le emissioni che causano il malessere dei cittadini.

Questa è la proposta che suggerisco, ma credo che non verrà accolta dall'attuale Amministrazione che troppo tanto fa contro i deboli e troppo poco contro i forti.