giovedì 12 novembre 2015

L'impegno antimafia continua più forte di prima

“La lotta alla mafia dev’essere innanzitutto un movimento culturale che abitui tutti a sentire la bellezza del fresco profumo della libertà che si oppone al puzzo del compromesso morale, dell’indifferenza, della contiguità e quindi della complicità.”
Così diceva Paolo Borsellino ai tanti giovani e durante i convegni, ed è proprio ispirandomi a queste parole che ho deciso di fare antimafia.
Ogni tanto, nella vita, capitano periodi in cui ci si ferma a riflettere, ed è ciò che mi è capitato quest’estate ma neppure per un secondo ho mai pensato di abbandonare il mio impegno antimafioso. Fare antimafia, per me, non è solo un’attività di volontariato ma addirittura uno stile di vita.

Qualche settimana fa scrissi che avrei continuato a fare antimafia e che avevo anche trovato una nuova casa. Finalmente, dopo una serie di passaggi burocratici, posso comunicare ufficialmente di aver trovato una nuova casa. Ho, infatti, aderito all’associazione “SAO – Saveria Antiochia Osservatorio Antimafia”, un’associazione nata nel 2006 a Milano con l’aiuto di Libera e OMICRON.
Le motivazioni che mi hanno portato a questa scelta sono rappresentate dai valori che l’associazione condivide e cerca di divulgare. SAO s’ispira a principi di solidarietà, di trasparenza e di democrazia.
L’associazione persegue finalità di solidarietà sociale e si riconosce nei seguenti valori fondamentali: la libertà di espressione e di pensiero, il rispetto e la tutela dei diritti dei cittadini e di ogni forma di diversità, la giustizia sociale, la solidarietà verso i deboli e gli emarginati. L’Associazione s’impegna alla promozione e tutela dei valori della legalità e dei diritti umani e civili e all’impegno contro ogni forma d’illegalità e di organizzazione criminale, nonché di intolleranza, di violenza, di discriminazione, di razzismo.
SAO è un’associazione conosciuta e stimata in tutto il territorio nazionale, soprattutto nella nostra regione. Sarà quindi un mio compito impegnarmi a essere vigile, combattere la cultura mafiosa attraverso progetti scolastici, convegni e altre attività. La mia attenzione volgerà principalmente verso le questioni legate alla provincia di Brescia, ma non per questo farò mancare il mio sostegno a tutte le persone impegnate nella lotta alla mafia.

Per maggiori informazioni sull’associazione, è possibile visitare il sito internet: www.centrostudisao.org