martedì 12 settembre 2017

L'acqua pubblica è ancora in pericolo? Vi aspettiamo Mercoledì 13 settembre alle 20:45 all'incontro pubblico

«L’acqua è un bene comune? Cos’è cambiato dal referendum del 2011 che sancì l’acqua come bene pubblico?» Queste sono due domande che ci siamo posti come gruppo politico Sinistra Per Borgosatollo, nato a settembre 2016, giusto un anno fa, proprio in occasione della raccolta firme a sostegno della proposta di referendum provinciale sull’acqua pubblica. Raccogliere nuovamente le firme a difesa dell’acqua pubblica non è stato semplice e a distanza di sei anni, ma soprattutto dopo un referendum al quale hanno partecipato milioni di cittadini, spiegare perché l’acqua pubblica è ancora in pericolo è stato complicato, ma a Borgosatollo abbiamo trovato molte persone attente e sensibili al tema. Non è un caso, infatti, che siano state raccolte una cinquantina di firme in una sola mattinata di raccolta.
Entro il 30 settembre i Comuni potranno deliberare a favore o contro la possibilità di far tornare alle urne i cittadini della provincia di Brescia e far sì che siano loro a esprimersi, ancora una volta, sulla gestione dell’acqua pubblica. Lo Sblocca Italia voluto da Renzi ha dato la possibilità di gestire ciò che è pubblico come fosse privato e una delle prime azioni avviate da molti Comuni ha riguardato proprio l’acqua. In Provincia di Brescia si vuole istituire "Acqua Bresciane Srl", una società mista pubblico/privato per la gestione del servizio idrico. È vero che il privato non avrà la maggioranza delle quote, ma deterrà comunque il 49% contro il 51% pubblico che però dovrà essere diviso tra i 200 comuni bresciani. È perciò facile intuire chi avrà maggiore forza contrattuale. Inoltre, mi chiedo come non si possa capire che un privato, quando investe vuole far fruttare il suo capitale. E in questo caso le rendite del privato saranno a carico di chi? La risposta mi sembra ovvia: dei cittadini.

Per affrontare questo tema, come gruppo Sinistra Per Borgosatollo abbiamo invitato ufficialmente il Sindaco Marniga, o in caso d’impossibilità un membro della Giunta, a un dibattito pubblico che si terrà mercoledì 13 settembre alle 20:45. Un incontro per informare i cittadini durante il quale interverranno come relatori anche Mariano Mazzacani, referente della proposta referendaria, e Marco Apostoli, Consigliere provinciale di minoranza.

Di pari passo, invece, sta lavorando il Consigliere comunale Giulio Arrighini che presenterà la mozione e la proposta di delibera concernente il quesito referendario affinché il Consiglio comunale di Borgosatollo possa esprimersi sul tema della gestione del servizio idrico.