giovedì 19 novembre 2015

La bandiera della PACE sfrattata dall'ingresso del Comune di Desenzano

Mai come in questi giorni, specialmente dopo i terribili fatti di Parigi, lo spettro della guerra fa sempre più paura. Anzi, in guerra probabilmente ci siamo già da anni in molti paesi del Medio Oriente, ma la parola "guerra" incute timore, così preferiamo dire che si tratta di missioni di pace.
Sono stati giorni terribili ai quali, per fortuna, abbiamo assistito non solo a risposte armate, ma anche a gesti di solidarietà come la sera degli attentati quando decine di parigini hanno sfidato il terrore aprendo le porte di casa ai passanti per non farli attraversare la città. 
In momenti come questi i gesti sono più che mai importanti, più significativi che mille parole ed è importante potersi rincuorare anche grazie a piccole azioni simboliche.
Un gesto semplice, ma importane, è stato compiuto dal Comune di Desenzano che da qualche tempo ha esposto una bandiera della pace all'ingresso comunale, eppure a qualcuno sembra che l'idea non sia piaciuta. Il referente di Fratelli d'Italia, infatti, il Signor Pietro Avanzi per l'esattezza, ha ben pensato di avanzare un esposto al Prefetto chiedendo la rimozione della bandiera poiché rappresenta un'area politica ben precisa. 
Forse, secondo il Signor Avanzi la pace ha un solo colore politico e non è un obiettivo da perseguire da parte di tutti i cittadini e a maggior ragione da chi li vuole rappresentare. Vorrei quindi ricordare al Signor Avanzi l'articolo 11 della Costituzione Italiana: 

"L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali; consente, in condizioni di parità con gli altri Stati, alle limitazioni di sovranità necessarie ad un ordinamento che assicuri la pace e la giustizia fra le Nazioni; promuove e favorisce le organizzazioni internazionali rivolte a tale scopo."

Come se non bastasse è arrivata la pronta risposta del Prefetto di Brescia che accoglie l'esposto del referente di Fratelli d'Italia perché la bandiera della pace non un vessillo istituzionale.

Ma come?! La pace è sancita dalla nostra Costituzione ma la bandiera color arcobaleno non può essere esposta all'ingresso del Comune perché non è istituzionale?!
Per carità, non sarà una bandiera della pace a cambiare le cose nel mondo ma credo che ogni tanto ci farebbe bene restare aggrappati a piccoli segni di umanità per evitare di cadere nell'odio e per ricordarci di restare umani.