giovedì 23 marzo 2017

Viva Roma e i romani che accolgono

Andrea Grasso, Roma, Accoglienza, Europa, Rifugiati
Pubblicato su:

In occasione della ricorrenza dei Trattati di Roma, Roma e i romani si preparano ad accogliere a braccia aperte i rifugiati politici in arrivo nella Capitale

“La storia insegna, ma non ha scolari” diceva Antonio Gramsci, e la storia si ripresenta sempre, sotto nuove forme ma con uguali concetti sostanziali. Ecco perché ringrazio tutti quei cittadini romani che in questi giorni si stanno battendo contro ideologie e fascismi tipici d’altri tempi.

Andiamo però con ordine. Il teatro della vicenda è Monte Arsiccio, Municipio XIV di Roma, dove Prefettura e Amministrazione Comunale intendono organizzare un centro di accoglienza per rifugiati politici. Appena trapelata la notizia, Forza Nuova, Fratelli d’Italia e l’associazione Roma ai romani hanno alzato le barricate al grido di “Roma ai romani, difendiamo la nostra identità”.

Concetti purtroppo attuali, ma con radici storiche profonde. Proprio quelle radici che Altiero Spinelli, insieme a Ernesto Rossi ed Eugenio Colorni, decisero di combattere pubblicando il Manifesto di Ventotene, un inno per un’Europa libera e unita che, guarda caso, durante l’esilio forzato imposto dall’allora Governo fascista.

Cosa c’entra Altiero Spinelli con il centro di accoglienza? Semplice. Come scrivevo prima, la storia si ripresenta sempre, e stavolta lo fa nella settimana in cui si celebrano i sessant’anni dei Tratti di Roma che istituirono la Comunità Economi Europea. La data esatta della ricorrenza è il 25 marzo ed è anche il giorno scelta da diverse associazioni romane per rispondere ai razzismi, ma soprattutto per allargare le braccia ai nuovi arrivi esprimendo un sano principio: "Siamo umani".

“Un’accoglienza possibile” secondo gli organizzatori, peraltro, in una zona di Roma a bassissima presenza di cittadini stranieri (dati ufficiali pubblicati dal Censis).

Quindi, come ha raccontato l’attore Flavio Insinna, “La vera emergenza è la guerra e non chi arriva, quanti ne arrivano o da dove arrivano. Perché in un Paese malato di solitudine e indifferenza, l’unica cura è l’amicizia”.